Home
Cassano delle Murge

Perla delle Murge baresi

Per chi cerca una località amena per trascorrere un fine settimana, tra la natura e l'arte, per gustare la tipica cucina montana e contadina e provare l'ospitalità tipicamente agrituristica, non può fare a meno di di visitare Cassano delle Murge. E' uno dei centri più belli del territorio murgiano barese.

Sorge ai piedi del gradino superiore delle Murge, a poco meno di trenta chilometri dal Capoluogo pugliese. Negli ultimi anni ha conosciuto un forte incremento turistico motivato, oltre che da numerosi edifici antichi e dalla bellezza del paesaggio, dalla presenza sul suo territorio della rinomata "Foresta Mercadante". Oggi la Foresta (dotata di attrezzature e servizi idonei a favorire le soste) è meta sia di escursioni sempre più frequenti sia ambìto luogo residenziale.

Ma qui, a Cassano, c'è anche "l'altra Puglia": quella di natura carsica che con le sue grotte, lame e gravine può essere, e spesso è, fonte di inattese meraviglie. Ecco, dunque, la millenaria "Grotta della Madonna" sottostante i il quattrocentesco Santuario Mariano, nel quale sono conservati un "Crocifisso ligneo del XIV" secolo ed un "Presepe in pietra", splendido e pressoché unico nel suo genere, scolpito nel tardo '400 da Paolo da Cassano.

Chi viene Cassano, quindi, non può non fare una passeggiata sulla collinare "strada Panoramica", nella Foresta Mercadante e luogo le tortuose viuzze del Centro Storico. E' tutto un andirivieni di vicoli e straducciuole, che si incontrano e si intrecciano, si aprono e si chiudono in corte e cortili, sotto archi e passaggi,a volte bassi e strettissimi. La pietra calcarea, il basolato di chianche sembra offrire al visitatore quel senso di pulizia e accoglienza, che fa sentire subito ospitali e amici, in qualunque angolo della città antica. E' forse questo il segreto di Cassano, della sua parte storica, e il tempo sembra essersi fermato, quattro o cinque secoli fa, tra le mura di queste case.

 

Cassano delle Murge è anche il Paese delle antichissime tradizioni religiose popolari, come la festa Patronale in onore della Madonna degli Angeli, che si tiene nei primi quattro giorni di agosto, con l'immancabile "musica in piazza" dei concerti bandistici, di quella musica che i contadini potevano permettersi.

E', inoltre, il paese del folklore, della cultura contadina, della cucina popolare e di varie Sagre, che si svolgono annualmente nell'ambito dell'"Estate cassanese".

Completano le attrattive, per i numerosi villeggianti e turisti sempre più colpiti dal senso di quiete e dalla bellezza dei luoghi, la raccolta di funghi, cicorielle campestri, asparagi selvatici, erbe aromatiche e medicinali.